Manifesti in città per la ricostruzione delle scuole: “Un anno di mancate promesse”

In una terra che continua periodicamente a tremare, e a quasi dieci anni dal sisma, la questione sulla sicurezza delle scuole è ancora lontanissima dall’essere risolta. Per questo la Coalizione Sociale ha avviato una campagna di sensibilizzazione e protesta con manifesti apparsi nei giorni scorsi in città e volantinaggi fuori le scuole.

Nessuna scuola di competenza comunale è stata ad oggi ricostruita, nonostante i 42 milioni in cassa da tempo. Più di 3.600 bambini e bambine (il 60% del totale) stanno crescendo nei Musp, strutture la cui provvisorietà è fonte ormai di numerosi problemi, mentre la maggior parte degli altri frequentano edifici di cui non si conoscono i livelli di sicurezza, non essendo state completate le verifiche di vulnerabilità.

Totalmente disattesi gli impegni di campagna elettorale del sindaco Pierluigi Biondi in materia, come la la tanto sbandierata “task force”, una consistente unità di personale che in cento giorni avviasse le pratiche.

Stando al cronoprogramma del Comune, rimasto fermo all’era Cialente (già fortemente deficitaria), ad oggi dovremmo avere già cinque scuole ricostruite: Paganica, Pettino, Arischia, Coppito e Santa Barbara, e in fase di ultimazione i lavori del polo di Sassa. Di tutte le altre non ci è dato sapere nulla. La realtà dei fatti è che invece di riaprire in sicurezza, le scuole continuano ad essere chiuse perché insicure, come è accaduto nello scorso novembre a Preturo e Arischia, dove le verifiche di vulnerabilità sismica hanno dato risultati prossimi allo zero.

Non va meglio per gli Istituti superiori, di competenza della Provincia, che hanno tutti bassi indici di vulnerabilità, ossia alti indici di rischio sismico. In una città che ha visto morire giovani in strutture scolastiche, circa 4 mila studenti e studentesse entrano ogni giorno in scuole non sicure. Caso emblematico ed eclatante è quello del Cotugno, uno dei licei più frequentati della città: dopo le scosse del gennaio 2017, studenti e personale hanno dovuto subire trasferimenti, doppi turni, chiusure e infine uno smembramento in ben 5 plessi diversi, a causa delle accertate condizioni di non sicurezza della sede.

Né il Comune né la Provincia hanno ancora chiarito dove gli oltre mille frequentanti dell’Istituto potranno svolgere le lezioni nel prossimo anno scolastico, durante il quale l’edificio di Pettino sarà sottoposto a lavori della Provincia, che comunque riguarderanno l’adeguamento statico e non il miglioramento sismico. Né è dato sapere dove e quando sarà costruita la nuova sede per la quale la Regione ha predisposto uno stanziamento di 13 milioni.

Il presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, nel settembre scorso aveva annunciato la volontà di “ricostruire ex-novo” tutte le sedi di competenza provinciale, promettendo inoltre un tavolo interistituzionale tra gli enti, volto a pianificare una programmazione pluriennale. Superfluo sottolineare come questi proclami siano ad oggi rimasti tali.

All’immobilismo delle precedenti amministrazioni provinciale e comunale, si aggiungono le promesse mancate e i ritardi delle attuali amministrazioni.

La Coalizione sociale chiede: una puntuale informazione sullo stato dell’arte e sulla sicurezza degli edifici comunali e provinciali e l’attivazione reale di una task force adeguata agli impegni, che avvii immediatamente un cronoprogramma di lavori attendibile e verificabile.

L’avvio di una campagna mediatica è solo l’inizio di una più vasta mobilitazione sul tema della sicurezza delle scuole, punto ineludibile per una città che voglia dirsi sicura e offrire un futuro alle nuove generazioni.

Scarica il volantino (fronte)
Scarica il volantino (retro)

Fondo immobiliare: no agli sfratti, sì ad affitti equi

E’ di questi giorni la notizia che ai cittadini che abitano negli alloggi del “Fondo immobiliare” è stato intimato lo sfratto.
Uno “sfratto etico” magari, visto che dopo il sisma tutta l’operazione di acquisto delle abitazioni da parte del Fondo Etico fu propagandata come un’operazione di solidariatà per dare un tetto ai terremotati.

Le cose sono andate diversamente e vale la pena rammentare brevemente la storia. Pochi mesi prima del sisma l’Ance lanciò l’allarme dei costruttori che si ritrovavano con 3.000 appartamenti invenduti. Subito dopo il 6 aprile questa situazione rischiava di mandare a gambe all’area parecchi costruttori e le banche di cui erano debitori.
Cosi per salvare il tutto intervenne lo Stato: il Fondo comprava gli appartamenti, ai costruttori arrivavano soldi per ripianare i debiti con le banche.

L’operazione fu pagata profumatamente dallo Stato, visto che quegli appartamenti sono stati successivamente affittati con risorse pubbliche a prezzi davvero elevati e fuori mercato.
Ma c’è di più. Il direttore generale e il consigliere delegato del Fondo immobiliare di Europa risorse sono sotto processo per falso e truffa ai danni dello Stato, in quanto avrebbero dichiarato un numero di vani superiori al reale intascando quindi affitti più alti del dovuto. Il processo si celebrerà il prossimo 27 giugno. Insomma, un caso unico di truffa “etica”.

Stiamo effettuando ulteriori verifiche poiché, oltre ai casi già sotto la lente della Procura, potrebbero essercene anche altri, nel qual caso, saremo pronti a denunciare.
In questi anni gli inquilini oggi sotto sfratto hanno proposto alla proprietà di pagare un affitto in linea con i patti territoriali e con i prezzi di mercato, ma hanno trovato un muro. Si preferisce lasciare vuoti gli appartamenti piuttosto che affittarli. E qui il discorso diventa più ampio perché non si capisce quali operazioni si celino dietro questo comportamento scandaloso e irresponsabile. Forse qualche ente pubblico sta pensando di togliere le castagne dal fuoco al Fondo comprando decine di appartamenti vuoti? Sarebbe davvero inaccettabile e su questo vigileremo.

Oggi a 9 anni di distanza dal terremoto, grazie anche all’inerzia della precedente amministrazione, il risultato del regalo di decine di milioni di euro a banche e costruttori non può essere lo sfratto di famiglie pronte a pagare per intero un giusto fitto!
Il Sindaco, finora silente, si muova in fretta per fermare questo massacro sociale, non c’è più tempo da perdere.

L’Amministrazione si deve far carico di questa situazione facendo da tramite tra cittadini e Fondo immobiliare per concordare la loro permanenza negli appartamenti con fitto equo.
Noi per nostra parte faremo di tutto per scongiurare questa situazione di ingiustizia ed eviteremo quegli sfratti con ogni mezzo necessario.

Pubblicati i curriculum dei candidati alle partecipate. Cimoroni: “Servizi essenziali non possono ridursi a spartizione politica”

Come promesso una settimana fa, la Coalizione Sociale ha attuato – a differenza dell’amministrazione comunale – un preciso atto di indirizzo approvato dal Consiglio comunale. Sono così da oggi online su coalizionesociale.it i 103 curriculum professionali dei candidati e delle candidate ai ruoli di vertice delle aziende partecipate dall’ente comunale.

La questione è stata al centro di una conferenza stampa convocata stamane all’Aquila da Carla Cimoroni, consigliera della Coalizione Sociale: “Seguiamo la vicenda delle partecipate fin dal nostro primo giorno in Consiglio – ha affermato la consigliera – già il 27 luglio scorso presentammo una delibera sulle audizioni pubbliche. Riteniamo che la gestione dei servizi pubblici essenziali sia fondamentale per la qualità della vita dei cittadini e delle cittadine”. Solo dopo 6 mesi, tuttavia, la giunta Biondi approva l’atto di indirizzo per la scelta dei vertici delle società partecipate. Tra le altre cose si afferma che non è possibile nominare i parenti dei componenti della Giunta: “Un nostro emendamento proponeva di allargare anche ai parenti dei consiglieri – ha affermato Cimoroni – ma è stato bocciato. Perché? Se verrà nominato un parente di qualche consigliere sapremo che la bocciatura non fu solo inopportuna, ma anche dettata dalla malafede“.

Nel frattempo le società partecipate arrancano, gli amministratori sono scaduti e si perpetua semplicemente un’amministrazione ordinaria, dettata solo dal “far quadrare i conti”, più che da una reale progettualità con l’obiettivo del miglioramento de servizi. Il 12 aprile scorso vengono pubblicati gli elenchi degli idonei che hanno inoltrato domanda per il bando, ma non i curriculum, che avrebbero dato modo alla cittadinanza di farsi un’idea sulla qualità delle scelte che verranno effettuate.

“Il nostro timore, fondato e confermato dalle vicende politiche di questi mesi, è che le nomine verranno fatte in base alla spartizione partitica, senza prendere in considerazione alcuna competenza specifica sulle aziende che si dovranno amministrare”, ha sottolineato Carla Cimoroni.

Sia chiaro che sappiamo bene come le nomine siano appannaggio del Sindaco, e non lo mettiamo in dubbio. Ma vorremmo che si rendesse chiaro un metodo di scelta, in base a criteri di comparazione. Perché serve a noi e alla città per giudicare l’operato del Sindaco, non dei candidati. Nessuno fa populismo né ci si vuole sostituire al primo cittadino. E’ il contrario, perché si chiede al Sindaco di prendersi una responsabilità”.

La pubblicazione dei curriculum consentirebbe anche di spostare il dibattito pubblico da “quali nominativi indicano i partiti per i vari enti” a “quali candidati sono più competenti ed adatti per i diversi incarichi da ricoprire”.

Se non si cambia passo, nei metodi, la qualità dei servizi rimane scarsa, fomentando il mantra dell’inefficienza del settore pubblico, e solcando la via verso una tendenza drammatica cui assistiamo da anni: la privatizzazione anche dei servizi essenziali per i cittadini e le cittadine.

Nel corso della conferenza stampa Carla Cimoroni ha risposto anche all’ultima nota di Fratelli d’Italia, partito di Biondi: “Sono contento che dopo averci attaccato – ha evidenziato la consigliera – ora Fratelli d’Italia ha fatto un passo indietro, indicando come criterio per le scelte la competenza professionale e non l’indicazione di questo o quel partito. E’ chiaro che le nomine non sono state fatte perché ancora non ci si mette d’accordo tra partiti, e questo passo indietro forse è un tentativo di uscire dall’impasse”.

A margine dell’incontro, la Coalizione Sociale ha ribadito la gravità della questione relativa allo stemma di Salò come effigie del gruppo WhatsApp dei capigruppo della maggioranza in Consiglio, vicenda che ha guadagnato negli ultimi giorni anche la prima pagina di un quotidiano nazionale: “In questi giorni ciò che è ancora più grave è il silenzio del Sindaco, che non ha avuto il coraggio né di scusarsi, né di giustificarsi, e nemmeno di rivendicare. D’altronde, neanche la sua assenza nelle cerimonie istituzionali del 25 aprile è stata giustificata”.

Questo fatto, che in sé potrebbe sembrare marginale, dev’essere letto nella cornice di un’operazione di sdoganamento della simbologia, della gestualità e della pratica neofascista messa in atto nell’arco degli ultimi anni, avallata troppe volte anche dal Partito Democratico: “Neanche gli esponenti locali del Pd – ha concluso Cimoroni – hanno avuto il coraggio di spiegare alla città perché non hanno partecipato al voto, in occasione della mozione antifascista da noi presentata in Consiglio”.

Per tutte queste ragioni, e per altre – dalle promesse mancate nella ricostruzione delle scuole allo stallo del bando Case – il sindaco Pierluigi Biondi dovrebbe dimettersi.

Tutti i curriculum di candidate e candidati alle società partecipate del Comune

Come promesso  una settimana fa, pubblichiamo i curriculum delle candidate e dei candidati ai vertici degli Enti partecipati del Comune dell’Aquila. Considerando che quest’ultimo non dà attuazione all’Atto di indirizzo approvato dal Consiglio comunale, che prevede espressamente la pubblicazione di tutta la documentazione inviata da ciascun candidato, lo facciamo noi.

Conoscere e confrontare i curriculum consente non solo di verificare le competenze degli aspiranti ai ruoli apicali delle società che erogano servizi pubblici essenziali, ma anche e soprattutto di capire le motivazioni e i criteri in base ai quali il Sindaco sceglierà i nuovi amministratori.

Il timore più che fondato infatti è che per le nomine si scelgano ancora una volta politici, parenti e candidati consiglieri non eletti con il tratto comune di non avere alcuna competenza specifica sulle aziende che dovranno amministrare. La responsabilità di questa scelta è in capo al Sindaco che, come di fatto confermato negli ultimi giorni dal suo partito, è ostaggio delle pressioni da parte dei partiti che lo sostengono. E’ questo e solo questo il motivo per cui a quasi un anno dall’insediamento non sono stati ancora nominati i nuovi vertici!

Noti i curriculum, chiediamo che il Sindaco proceda alle nomine senza ulteriori meline.
Di seguito l’elenco dei candidati come amministratore unico/membro dei consiglio di amministrazione, come da elenco pubblicato dal comune (scarica).

Di ognuno è possibile scaricare il curriculum, nei quali abbiamo avuto cura di oscurare eventuali dati personali e sensibili.

cognome nome curriculum luogo di nascita data
ACETO MARIKA scarica curriculum L’AQUILA 11/12/1987
AGOSTINELLI FEDERICO scarica curriculum TERAMO 05/11/1982
ALOISI FRANCESCA scarica curriculum L’AQUILA 01/07/1976
AMICARELLA MANUELA scarica curriculum L’AQUILA 14/01/1976
ANTONETTI GIANLUCA scarica curriculum L’AQUILA 12/10/1969
ANZUINI ALESSIO scarica curriculum SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP) 23/10/1973
BAFILE DANIELA scarica curriculum L’AQUILA 25/05/1970
BALLESTRAZZI GIORGIA scarica curriculum L’AQUILA 29/01/1985
BEOMONTE ZOBEL UMBERTO scarica curriculum TORINO 09/11/1956
BERARDI GIAMMARCO scarica curriculum L’AQUILA 26/03/1975
BONANNI ANNAMARIA scarica curriculum L’AQUILA 01/02/1964
BONTEMPO LUCIANO scarica curriculum L’AQUILA 22/02/1971
BUCA FABIO scarica curriculum L’AQUILA 29/02/1988
BUCCI MAURIZIO scarica curriculum CASTEL DI SANGRO 21/04/1969
BUFALINI RITA scarica curriculum ROMA 16/11/1960
CALDERONI GIULIANO scarica curriculum L’AQUILA 10/04/1967
CALVISI VINCENZO scarica curriculum L’AQUILA 25/06/1972
CAMPESE GIACOMO scarica curriculum L’AQUILA 22/09/1982
CAPALDI PIERLUIGI scarica curriculum L’AQUILA 21/06/1970
CARAFA ALESSANDRA scarica curriculum L’AQUILA 28/04/1985
CARDELLI MANUELA scarica curriculum TERAMO 11/07/1974
CARNICELLI FABRIZIO scarica curriculum L’AQUILA 04/01/1975
CAVICCHIA CLAUDIA scarica curriculum ROMA 06/02/1979
CECALA SARA scarica curriculum L’AQUILA 16/07/1974
CIACCHI SANDRO ANTONIO scarica curriculum GORIANO SICOLI (AQ) 14/09/1957
CIAMMETTI DOMENICO scarica curriculum L’AQUILA 28/05/1956
CIMINO FABRIZIO scarica curriculum L’AQUILA 25/10/1961
COCOCCETTA LAURA scarica curriculum L’AQUILA 07/04/1979
COLANTONIO NICOLA scarica curriculum POPOLI (PE) 25/10/1975
COLAROSSI LUCA scarica curriculum L’AQUILA 24/04/1967
CRISI ALESSANDRA scarica curriculum AVEZZANO (AQ) 19/11/1972
CRITTI NICOLO’ scarica curriculum MAZARA DEL VALLO 04/11/1978
CUCCHIELLA VALTER scarica curriculum L’AQUILA 30/10/1962
CUCCHIELLA MANUEL scarica curriculum L’AQUILA 08/03/1990
D’AMICO ANDREAS scarica curriculum ST. GALLEN (CH) EE 09/04/1993
D’ASCENZO DANIELA scarica curriculum L’AQUILA 25/02/1974
DE FELICE VALENTINA scarica curriculum L’AQUILA 07/02/1985
DE SANTIS GIANCARLO scarica curriculum L’AQUILA 29/03/1976
DEL RE AGOSTINO scarica curriculum L’AQUILA 10/12/1952
DI BENEDETTO GIANFRANCO scarica curriculum L’AQUILA 17/09/1959
DI CARLO ROBERTO scarica curriculum L’AQUILA 06/08/1974
DI GIOACCHINO ROSANNA scarica curriculum TIONE DEGLI ABRUZZI (AQ) 12/09/1957
DI IORIO DOMENICA scarica curriculum ROMA 10/01/1970
DI MARCO ILARIA scarica curriculum L’AQUILA 27/02/1978
DI PIETRO ADELINA scarica curriculum ATRIPALDA (AV) 16/01/1983
D’ORAZIO MATTEO scarica curriculum L’AQUILA 01/01/1961
FABI MASSIMILIANO scarica curriculum L’AQUILA 09/06/1970
FEDERICO PAOLO scarica curriculum L’AQUILA 09/09/1963
FENEZIANI PIO scarica curriculum SAN PIO DELLE CAMERE (AQ) 19/01/1958
FIASCHETTI GIUSEPPE scarica curriculum LUCOLI (AQ) 31/07/1961
FIORE CLAUDIA scarica curriculum L’AQUILA 07/09/1982
FIORETTI EUGENIO scarica curriculum L’AQUILA 19/11/1976
GALASSO PAMELA scarica curriculum CHIETI 12/02/1974
GARGANO PAOLO scarica curriculum L’AQUILA 27/06/1968
GIAGNOLI OTTAVIANA scarica curriculum AVEZZANO (AQ) 21/01/1968
GIOSI ALESSANDRO scarica curriculum TIVOLI (RM) 17/12/1973
GIZZI VENANZIO scarica curriculum L’AQUILA 01/01/1948
IANNI LUCA scarica curriculum L’AQUILA 13/03/1973
IULIANELLA ANTONIO scarica curriculum PESCINA (AQ) 29/05/1968
IULIANO ITALO scarica curriculum ORVIETO (TR) 17/02/1949
LEONE MARIA scarica curriculum TERAMO 22/10/1973
LEPIDI MARIO scarica curriculum L’AQUILA 26/03/1979
LOVILI GIORGIO scarica curriculum ROCCABIANCA (PR) 07/11/1945
LUDOVICI CARLOTTA scarica curriculum L’AQUILA 03/06/1980
MANCINI FIORAVANTE scarica curriculum L’AQUILA 13/12/1951
MARINACCI LUDOVICO scarica curriculum L’AQUILA 07/06/1988
MARTONE FERNANDA scarica curriculum CAPESTRANO (AQ) 09/10/1954
MASCI FELICE scarica curriculum L’AQUILA 03/10/1966
MASCIOCCHI GIORGIO scarica curriculum L’AQUILA 03/06/1969
MASSENA ANTONIO scarica curriculum TRENTO 30/06/1953
MASSIMI LANFRANCO scarica curriculum L’AQUILA 25/10/1968
MELARAGNI AURELIO scarica curriculum L’AQUILA 31/05/1951
MIGLIOZZI IVANO scarica curriculum L’AQUILA 10/10/1976
MORELLI STEFANO scarica curriculum L’AQUILA 13/04/1976
PARLANTE SERENA scarica curriculum L’AQUILA 15/05/1975
PARRAVANO LUIGI scarica curriculum L’AQUILA 26/05/1967
PERROTTI ADRIANO scarica curriculum L’AQUILA 15/07/1964
PETRELLA FRANCESCO scarica curriculum TERAMO 27/05/1971
PIERI FABRIZIO scarica curriculum L’AQUILA 13/05/1975
PIERMAROCCHI ANDREA scarica curriculum L’AQUILA 27/09/1986
PIGNATELLI DINO scarica curriculum TOLMEZZO (UD) 29/12/1947
PLACIDI ERNESTO scarica curriculum L’AQUILA 06/04/1951
PLACIDI DANIELE scarica curriculum L’AQUILA 23/04/1971
ROCCI ANDREA scarica curriculum L’AQUILA 12/03/2018
ROSATI GIULIO scarica curriculum L’AQUILA 28/01/1982
SANTANGELO ALESSANDRA scarica curriculum L’AQUILA 28/07/1977
SANTANGELO SALVATORE scarica curriculum L’AQUILA 26/04/1976
SANTUCCI VALENTINA scarica curriculum L’AQUILA 25/03/1974
SCHIAVONE GIUSEPPE scarica curriculum L’AQUILA 28/07/1966
SCIOMENTA CORRADO ANGELO FRANCO scarica curriculum L’AQUILA 21/09/1956
SOLLECCHIA ANGELA scarica curriculum L’AQUILA 21/10/1964
TAZZI CARLO scarica curriculum L’AQUILA 14/04/1939
TEMPESTA PAOLO scarica curriculum L’AQUILA 20/10/1977
TOMASSONE PATRIZIA scarica curriculum KARLSRHUE (GERMANIA) 07/05/1971
TOMASSONI ALESSANDRO scarica curriculum L’AQUILA 25/10/1977
VENTA GIUSEPPE scarica curriculum ACCIANO (AQ) 03/12/1954
VERINI EMANUELE scarica curriculum L’AQUILA 21/07/1970
VERINI LUCA scarica curriculum L’AQUILA 10/02/1967
VIOLA FRANCO ALDO scarica curriculum LAURIA (PZ) 14/06/1948
VISIONE PIER PAOLO scarica curriculum L’AQUILA 05/08/1971
VOLPE MARIANO scarica curriculum L’AQUILA 16/09/1953
ZACCAGNINI MARCO scarica curriculum L’AQUILA 12/07/1953
ZANCHIELLO GIUSEPPINA scarica curriculum L’AQUILA 20/01/1968

Iscrizione all’anagrafe per le persone senza dimora, Coalizione Sociale vince un’altra battaglia: “Primo passo verso gli invisibili della nostra comunità”

Il Comune dell’Aquila ha finalmente definito la possibilità di iscrizione all’anagrafe per le persone senza dimora. E’ un’altra vittoria della Coalizione Sociale, che dimostra per l’ennesima volta in meno di un anno come un’opposizione forte, ma costruttiva, possa portare dei frutti e migliorare la vita della comunità aquilana.

In seguito all’iniziativa della Coalizione Sociale – prima nel confronto con i funzionari dell’ufficio Anagrafe e poi con la presentazione della mozione per “L’istituzione dell’anagrafe per le persone senza dimora” da parte della consigliera Carla Cimoroni – dal 18 aprile scorso è possibile scaricare sul sito web dell’ente (qui) il modulo con cui le cittadine e i cittadini in determinate condizioni possono richiedere l’iscrizione secondo il criterio del “domicilio”. La mozione avrebbe dovuto essere discussa in Consiglio lo scorso 19 aprile, in una seduta rinviata a oggi 4 maggio. Non possiamo che esprimere soddisfazione per il fatto che la mozione sia stata attuata dall’amministrazione ancora prima di venire discussa e approvata dall’aula consiliare.

E’ una battaglia importante che ha voluto intraprendere la Coalizione Sociale a favore delle fasce più deboli della nostra comunità, persone che non avendo fino ad oggi la possibilità di essere iscritti all’anagrafe non avevano i requisiti minimi per accedere anche a servizi essenziali, come l’assistenza sanitaria o i servizi sociali.

Il punto da sottolineare non è tanto quello dell’istituzione di un indirizzo fittizio, già previsto da una Delibera di Giunta del 2006, quanto quello del riconoscimento del principio dell’iscrizione secondo il criterio del “domicilio” per tutte e tutti coloro che evidentemente non sono in possesso dei requisiti per essere iscritti all’anagrafe secondo il consueto criterio della “residenza nella dimora abituale”.

Perché è proprio su questo criterio (il domicilio) che le amministrazioni locali si sono negli anni via via irrigidite, soprattutto in conseguenza dell’emanazione di leggi e della diffusione di un sentimento nei confronti dei fenomeni della povertà estrema e dell’emarginazione sociale, che hanno seguito logiche sempre più securitarie e repressive; logiche in cui si innesta anche la complessa normativa che regolamenta il soggiorno dei cittadini stranieri, comunitari e non, e a cui la prassi amministrativa spesso si adegua in maniera un po’ troppo acritica.

La pubblicazione della modulistica sul sito web del Comune dell’Aquila è una piccola grande battaglia vinta nella direzione di una città più attenta alle fasce più deboli dal punto di vista economico e sociale. Il riconoscimento del principio dell’iscrizione anagrafica per domicilio è solo un primo passo. Sarà fondamentale ora l’impegno e la disponibilità di tutti gli attori coinvolti (persone senza dimora, funzionari comunali, servizi sociali, organizzazioni del terzo settore, etc.) a muoversi insieme per garantire il diritto-dovere all’iscrizione anagrafica in tutte le modalità consentite dalle norme vigenti, in modo da rendere finalmente visibili anche i più emarginati, per provare a inserirli in percorsi di recupero e inclusione sociale.

Su questo è certo che continueremo a fare un’opposizione dura ma costruttiva, a vigilare e a metterci, se necessario, a disposizione degli interessati.

Nomine alle partecipate: se il Comune non pubblica i curriculum, lo facciamo noi!

Il Comune non pubblica ancora i curriculum dei candidati ai vertici degli Enti partecipati. Se non lo farà entro 7 giorni, lo faremo noi sul nostro sito web.

Il 12 aprile scorso sono stati approvati e pubblicati gli albi comunali per gli amministratori e i revisori delle società partecipate, ossia i nominativi di coloro che hanno risposto al bando scaduto il 28 marzo e sono stati ritenuti idonei alla nomina.

Ma, in contrasto con quanto espressamente previsto dall’Atto di indirizzo approvato finalmente a febbraio scorso (art. 3 comma 1), non sono state “pubblicate sul sito del Comune tutte le informazioni riguardanti le candidature pervenute con specifico riferimento a tutta la documentazione prevista dal comma 3 dell’art. 2”, ossia dati anagrafici, titoli di studio e soprattutto curriculum di ciascuna candidatura. Insomma, l’Atto di indirizzo non solo ci ha messo 8 mesi per vedere la luce, ma è pure disapplicato!

Qui non si tratta di richiedere l’ottemperanza a una formalità, ma di ottenere la possibilità di conoscere le capacità e le competenze degli aspiranti ai ruoli apicali delle società, società che erogano servizi pubblici essenziali (trasporti, servizi sociali, gestione dei rifiuti, etc.) che hanno una ricaduta diretta sulla qualità della vita delle cittadine e dei cittadini e i cui costi vengono coperti anche attraverso tariffe pagate dagli utenti.

Ricordiamo infatti che la nomina dei vertici degli organismi partecipati, cioè dei responsabili della gestione e dei risultati conseguiti, è appannaggio della politica: nel caso particolare delle società partecipate al 100% dal Comune – come ASM, AMA, SED, CTGS, AFM e l’Istituzione CSA – è, per legge, direttamente il Sindaco a provvedere alle nomine, senza l’obbligo di motivare la scelta o rendere noti i criteri di comparazione tra le candidature.

Non crediamo ovviamente che una selezione trasparente e meritocratica sia di per sè garanzia di buoni risultati, ma se il criterio è solo quello della spartizione politica la qualità della vita dei cittadini certamente non aumenta!

La pubblicazione dei curriculum presentati consentirebbe alle cittadine e ai cittadini di capire le motivazioni e i criteri in base ai quali verrà effettuata la scelta tra i vari candidati messi a confronto. E soprattutto consentirebbe di spostare il dibattito pubblico da “quali nominativi indicano i partiti per i vari enti” a “quali candidati sono più competenti ed adatti per i diversi incarichi da ricoprire”.

Perché se non si comincia tutti – cittadini, rappresentanti, organi di stampa – a ragionare in termini diversi sull’amministrazione delle aziende pubbliche, la qualità dei servizi rimane scarsa. E poi vai con il mantra dell’inefficienza del pubblico e il ricorso alla privatizzazione anche dei servizi essenziali!

Temiamo infatti che per le nomine si sceglieranno al solito politici, parenti e candidati consiglieri non eletti con il tratto comune di non avere alcuna competenza specifica sulle aziende che dovranno amministrare.

Operare scelte basate sulle capacità e non sulle spartizioni, nominare per esempio in ASM una persona che sia esperta di gestione dei rifiuti, questo sì sarebbe un modo concreto per rompere i meccanismi che altrimenti rimarrà solo uno slogan di campagna elettorale!

Abbiamo immediatamente sollecitato l’Amministrazione a dare seguito agli obblighi previsti per la pubblicazione dei curricula: nessuna risposta. Così nei giorni scorsi abbiamo richiesto copia di tutta la documentazione allegata alle candidature pervenute. Stiamo ricevendo gli atti giorno per giorno. Chiediamo al Comune di pubblicarli sul proprio sito entro 7 giorni, altrimenti lo faremo noi.

25 aprile all’Aquila, una grande giornata di liberazione antifascista: il programma

Una grande giornata antifascista con letture, assemblee, animazione per bambini e bambine, graffiti, musica, dj set e mostre fotografiche. È il 25 aprile all’Aquila, organizzato anche quest’anno dalla rete antifascista cittadina per promuovere e attualizzare i valori dell’antifascismo.

Dopo il successo dell’anno scorso a San Bernardino, la Liberazione quest’anno verrà celebrata al Parco del Castello, nel centro storico dell’Aquila. La giornata inizierà nel mattino (ore 11) con un omaggio al partigiano jugoslavo Panto Cemovič nel cimitero monumentale dell’Aquila, e a seguire (ore 12) l’omaggio a Giovanni Di Vincenzo presso il Casale Cappelli.

Dalle ore 16 via alla Festa della Liberazione nel piazzale antistante l’Auditorium del Parco. Ci saranno letture musicate per bambine, bambini e adulti a cura di Bibliobus e Nati nelle Note, la presentazione dell’iniziativa “Una pietra d’inciampo per Annina e Luigi” (a cura dell’associazione Annina Santomarrone), letture di resistenza a cura della Casa delle Donne e del caffè letterario del gruppo “Passione Letteratura L’Aquila”, un incontro dibattito sui territori resistenti d’Italia e diversi momenti artistici e musicali, con il rap e il rock a cura del laboratorio musicale Cobalto di CaseMatte, e l’esibizione della Music Band Together.

Per l’intera giornata saranno visitabili le mostre sulla resistenza e sulle “nuove resistenti” e animazione, a cura di Bibliobus e Koinonia – Ludobus Ri.Scossa. Ci sarà, infine, uno spazio dove poter mangiare e bere.

Affermare il proprio antifascismo, oggi, significa non permettere la revisione di una storia che si vorrebbe distorcere e meschinamente riscrivere, significa difendere i nostri valori di libertà, uguaglianza e giustizia sociale, significa lottare ogni giorno per comunità più aperte, solidali, accoglienti. Significa non lasciare spazio a chi, brillantato di un mantello di finta modernità, vorrebbe riportare la nostra città e il nostro Paese ai tempi più bui. Quelli della sofferenza, della discriminazione e della privazione delle libertà personali e dei diritti collettivi.

Per questo invitiamo tutta la cittadinanza a manifestare festosamente i valori dell’antifascismo il prossimo 25 aprile.

L’Aquila Antifascista

Lo stato dell’arte della ricostruzione delle scuole comunali dell’Aquila

Considerando che l’amministrazione comunale nicchia quando si paventa l’ipotesi di pubblicare documenti utili ai cittadini sul sito web istituzionale dell’ente, ci pensiamo noi: di seguito trovare, in formato excel scaricabile (in basso), il documento prodotto dalla Commissione Territorio e inviato ai consiglieri dopo la seduta di ieri [leggi qui].

Come abbiamo dimostrato con i fatti nel corso degli anni, la ricostruzione post-sisma delle scuole comunali dell’Aquila è una priorità assoluta per la Coalizione Sociale e, senza volerne fare un uso strumentale, speriamo che sia una priorità assoluta anche per la giunta comunale. Non potremo tollerare ancora ritardi, dopo anni e anni in cui la ricostruzione pubblica – e in particolar modo quella dell’edilizia scolastica – è stata ferma al palo.

Apprezziamo lo sforzo da parte del presidente della Commissione Raffaele Daniele, che ha voluto ottemperare all’obbligo previsto dalla mozione della Coalizione Sociale, approvata dal Consiglio comunale alla fine dello scorso anno. Ma a nove mesi dall’insediamento della nuova giunta, non ci basta assistere a un’estenuante ricognizione dello stato dell’arte, senza che venga fatta – e tantomeno comunicata – una pianificazione strategica, edificio per edificio, plesso per plesso.

Continueremo a vigilare affinché venga decisamente accelerato il processo di ricostruzione delle scuole dell’Aquila. Per il presente e il futuro della comunità, dei nostri figli e delle nostre figlie.

SCARICA IL DOCUMENTO SULLE SCUOLE DELL’AQUILA

D’Alfonso e D’Eramo si dimettano, è una questione di decenza

Passate le elezioni politiche c’è sempre più bisogno di atti concreti per ristabilire un minimo di credibilità nelle istituzioni. La consuetudine dei doppi incarichi istituzionali è, a nostro giudizio, una delle prime cose da eliminare.

Alcuni sono proprio incompatibili, come quello di parlamentare e presidente di Regione. Ci aspettiamo quindi che, una volta che il 23 marzo sarà “inverata” la nomina a senatore del presidente Luciano D’Alfonso, lo stesso si dimetta immediatamente dal suo incarico in Regione senza odiose meline, visto che l’incompatibilità è chiara e senza discussioni.

Altri doppi incarichi per legge sono ancora consentiti ma sarebbe un grave atto di irresponsabilità se il neo onorevole e assessore del Comune dell’Aquila Luigi D’Eramo non rinunciasse senza indugi al suo posto in giunta, come è stato paventato in una conferenza stampa di lunedì scorso. La nostra città non può permettersi i “giochi” interni tra le varie forze politiche, non può aspettare che la maggioranza trovi gli equilibri per formare una nuova giunta, magari in attesa che si chiarisca se tornare al voto a breve per il parlamento o addirittura in vista delle scelte per le candidature alle prossime elezioni regionali. L’immobilismo che oggettivamente ha caratterizzato l’Amministrazione in questi primi nove mesi di governo continuerebbe infatti ancora per lungo tempo.

Non è una faccenda di cumulo di stipendi, che non c’è, è questione di decenza e di etica della politica, merce rara in questo momento e di cui il Paese invece ha disperato bisogno.

E’ la dignità stessa delle cariche che si ricoprono a suggerire che non si può svolgere contemporaneamente al meglio la funzione di parlamentare e quella di assessore della città capoluogo d’Abruzzo. Figuriamoci quella di presidente della Regione.

Ai neo eletti vanno i nostri migliori auguri per la nuova avventura.

Ricostruzione scuole, a 60 giorni dalla mozione di Coalizione Sociale è l’ora della chiarezza

Siamo agli sgoccioli per il resoconto sulla situazione delle scuole comunali. Entro la fine del mese, infatti, l’Amministrazione dovrà riferire in Commissione Gestione del Territorio “sullo stato di avanzamento dell’iter degli interventi di ricostruzione dell’edilizia scolastica” e pubblicare sul sito web del Comune “il cronoprogramma della ricostruzione delle scuole completo e aggiornato”, così come prevede la nostra mozione approvata in Consiglio nel dicembre scorso.

Evidentemente non si potrà prescindere dalla ricognizione della vulnerabilità sismica degli edifici scolastici attualmente utilizzati e dalle decisioni da prendere in merito. Ci aspettiamo, poi, che per ogni scuola siano chiarite e pubblicate nel nuovo programma la data di inizio e di fine per le seguenti fasi già note e ben identificate:

  • elaborazione della documentazione preliminare alla progettazione e relativa approvazione;
  • gare per la progettazione e i lavori;
  • progettazione preliminare e sua approvazione;
  • progettazione definitiva e sua approvazione;
  • acquisizione dei pareri necessari (Asl, vigili del fuoco, genio civile, etc.);
  • approvazione del finanziamento da parte dell’USRA;
  • progettazione esecutiva e sua approvazione;
  • esecuzione dei lavori;
  • collaudo.

Se poi per qualche edificio una o più di queste fasi siano già state avviate e/o concluse, l’iter sarà ancora più semplice: basterà indicare la data di inizio/fine come effettiva. Rimaniamo in fiduciosa attesa della convocazione e di una relazione esaustiva sullo stato dell’arte e futuro, altrimenti tutti gli impegni presi finora saranno solo propaganda.

La città aspetta da troppo tempo che i ragazzi possano frequentare scuole sicure e all’avanguardia. Abbiamo i fondi in cassa da anni e la possibilità di assicurare alle famiglie che hanno scelto di rimanere o di cominciare a vivere nel nostro territorio, edifici sicuri al 100% e adatti alle esigenze didattiche e di aggregazione. Abbiamo un’occasione e una responsabilità che ci invidia tutto il Paese, il Paese delle scuole inadeguate e che cadono a pezzi: non possiamo permetterci di continuare a sprecarla. L’Aquila ha bisogno di certezze, la sua comunità ha bisogno di un presente e di un futuro migliore.