Carla Cimoroni


Carla Cimoroni Sindaca dell'Aquila

Carla Cimoroni, nata a L'Aquila nel 1974, si è laureata in Fisica nella locale università con una tesi in sismologia. Successivamente ha frequentato un corso sulla Valutazione di Impatto Ambientale presso la Facoltà di Ingegneria e ha conseguito la specializzazione in Fisica sanitaria nella Facoltà di Medicina, elaborando la tesi nell’ambito della radioattività ambientale.

Dal 2002 lavora presso l'Agenzia Regionale per la Tutela dell'Ambiente (Arta), prima da precaria presso il Distretto provinciale di Teramo, poi, dal 2008, vincitrice di concorso, a L’Aquila: esegue controlli sul territorio e redige istruttorie tecniche ai fini del rilascio dei pareri di competenza dell’ARTA nell’ambito dei procedimenti di autorizzazione ambientale. Nei primi anni, si è occupata di impatto ambientale da agenti fisici, tipicamente acustica, elettromagnetismo e radioattività ambientale. Dal 2010, si occupa prevalentemente di produzione di energia rinnovabile e di attività produttive che generano emissioni in atmosfera.

Dal 2014 collabora con il gruppo editoriale Il Sole 24 ore come autrice di articoli di natura tecnico- ambientale pubblicati su riviste di settore che vanno dalla vicenda del deposito nazionale per i rifiuti radioattivi alle autorizzazione per il compostaggio di comunità alle opportunità offerte dalla produzione di biometano.

E’ socia fondatrice dell'associazione Rifiuti Zero Abruzzo che si prefigge di attuare anche nella nostra regione la strategia verso la diminuzione e il recupero totale di materia e di energia dai rifiuti prodotti.

Si è interessata al tema della trasparenza dei bilanci locali e alle esperienze di audit del debito perché non siano i cittadini a pagare i costi di amministrazioni dissipate e di gestioni sconsiderate della cosa pubblica.

Attivista nel post terremoto e poi nel gruppo civico di Appello per L'Aquila, dal 2015 è consigliera del Consiglio Territoriale di Partecipazione dell'Aquila centro. Il suo impegno è legato soprattutto ad iniziative connesse alla tutela dell’ambiente, alla messa in sicurezza sismica e idrogeologica, alle politiche di integrazione, al valore della memoria. Sostenitrice della cultura della pace, della solidarietà e dell’accoglienza, è per protegge le persone e non i confini.

Alle elezioni amministrative dell'Aquila, nel giugno 2017, è stata candidata alla carica di sindaco per le tre liste della Coalizione Sociale. La coalizione è risultata la terza più votata, raccogliendo il 6,28% delle preferenze. Come candidata sindaca è diventata nell'estate 2017 consigliera comunale di opposizione, unica esponente tra i 32 consiglieri dell'assise non facente parte dei tradizionali schieramenti di centrodestra e centrosinistra.

Commenti