Le parole vergognose di De Santis su aborto e immigrazione


Una mamma con suo figlio nel periodo della segregazione razziale in USA

“Facciamo figli, facciamolo per l’Italia e difendiamo chi ha il coraggio di non abortire, perché questa nazione non ha bisogno di altri immigrati. Questa nazione ha bisogno di difendere i propri figli”. Con queste parole un consigliere del Comune dell’Aquila, Francesco De Santis, ha ammonito il pubblico della Lega Nord e di Matteo Salvini a Silvi Marina.

Ma difendere da cosa? Certamente dall’invasione di migranti neri! Che poi i dati e i numeri siano tali da sconfessare qualsiasi ipotesi di “invasione” che importa?! Che siano uno o un milione, sempre pericolosi invasori neri sono, no?! E se annegano nel Mediterraneo sotto gli occhi delle nostre equipaggiate navi, non siamo certo noi a lasciarli morire, ma è colpa loro che, temprati dagli stenti, osano arrembare le nostre coste a bordo di agili e minacciosi gommoni.

Ma, ovviamente, tocca difendersi anche e soprattutto dentro i confini, da chi promuove da decenni una maternità consapevole, libera da stereotipi culturali e scelte doverose – secondo il consigliere De Santis – addirittura nel nome della Nazione, senza avere alcun riguardo per le dinamiche demografiche della razza italica, e di conseguenza per gli equilibri previdenziali. Sono le donne che hanno conquistato con sofferenza e determinazione il diritto di decidere, le pericolose alleate di questo disegno criminoso ai danni dell’identità nazionale. Che poi il concetto di identità sia tutt’altro che statico e cristallizzato, che importa?! Al popolo vanno impartiti concetti semplici, slogan ad affetto, nemici deboli e facili da attaccare.

Il punto è che quando si mette in discussione il diritto e la libertà di scegliere una vita migliore per se stessi – e sì, anche per i propri figli – si comincia dall’uomo nero di turno, quello diverso e che fa più paura, e si arriva a chiedere da un palco alle donne “il coraggio di non abortire e fare figli” a prescindere, indipendentemente da condizioni e aspirazioni personali e familiari, nel solo supremo interesse dell’identità nazionale.

Ci sono, poi, figlie e figli di questo Paese che aspettano solo di essere riconosciuti cittadini italiani per poter contraccambiare con impegno ed entusiasmo l’investimento in termini culturali e sociali che ogni Paese civile deve alle giovani generazioni che scelgono di crescere in quel territorio. Continuare ad ignorarli, invocando un ricambio generazionale rigorosamente autoctono, oltre che una riedizione allarmante della “difesa della razza”, è sintomo di una profonda ignoranza e ipocrisia e di una totale mancanza di rispetto per i diritti civili, per i quali le donne e gli uomini continuano a lottare in ogni parte del mondo.

[fbcomments width="100%" count="off" num="3" countmsg="wonderful comments!"]